Palermo: revocate la circolare illegittima

LA VERA LAICITÀ RISPETTA LE TRADIZIONI

 

Palermo: revocate la circolare illegittima

020.000
  10.924
 
10.924 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 20.000 firme.

Palermo: revocate la circolare illegittima


+++ AGGIORNAMENTO +++

Lunedì 27 - 11 - 2017  

Dopo il lancio di questa petizione popolare, che ha raccolto in poche ore quasi 10.000 firme, il Ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli si è finalmente espressa sul grave caso del Preside che a Palermo ha bandito dalla sua scuola ogni immagine sacra e persino la foto di Papa Francesco, impedendo inoltre a quei bambini che lo volevano di recitare delle preghierine prima di mangiare. 

Il Ministro Fedeli ha ammesso che il Preside, riferendosi alla Nota del Ministero del 2009, "ha attuato il documento in modo improprio", peraltro senza comunque coinvolgere i genitori in questa grave scelta, violando così il fondamentale rapporto di fiducia tra scuola e famiglia.

Se il Preside "ha attuato in modo improprio" quella Nota, allora la circolare è illegittima, e dev'essere immediatamente revocata, come CitizenGO ha da subito sostenuto e richiesto. Il Ministro Fedeli prenda subito provvedimenti conseguenti. 

Per favore, firma subito la petizione qui sotto e otteniamo il risultato!


NON CANCELLIAMO QUELLE POCHE BUONE TRADIZIONI CHE ANCORA CONSEGNAMO AI NOSTRI FIGLI

 FIRMA E CONDIVIDI LA PETIZIONE PER CHIEDERE CHE SIA IMMEDIATAMENTE RITIRATA LA CIRCOLARE CHE BANDISCE DA UNA SCUOLA ELEMENTARE DI PALERMO LE IMMAGINI SACRE E LE PREGHIERINE DEI BAMBINI PRIMA DI MANGIARE, CONTRO IL PARERE DEGLI INSEGNANTI E DEI GENITORI DEGLI ALUNNI.


Una statuetta della Madonna, la foto di San Giovanni Paolo II, l'usanza di intonare una canconcina religiosa prima della merenda.

Il Preside della scuola elementare "Ragusa Moleti" di Palermo, il professor Nicolò La Rocca, ha emanato nei giorni scorsi una circolare per debellare questi elementi di semplice devozione e tradizione popolare. Le immagini sacre sono addirittura state riposte nei bagni, al limite della blasfemia.

E così, sono state asportate tutte le immagini sacre, ed è stato imposto agli insegnanti di impedire ai bambini di fare le loro solite preghierine prima di mangiare e persino durante l'ora di Religione! 

Una furia laicista degna del terrore giacobino, che oltre ad aver intristito i bambini dell'istituto, ha ricevuto immediatamente le durissime critiche di molta parte del corpo docenti e soprattutto dei genitori, del tutto esclusi da qualsiasi processo decisionale in merito a questa mossa ideologica

Tanto che il giorno dopo la diffusione della circolare, i genitori hanno fatto entrare i loro figli nella scuola con tanto di Rosario al collo.

Il Preside La Rocca dice di aver agito dopo alcune pubbliche proteste, e di aver preso il provvedimento sulla base del parere dell'Avvocatura dello Stato dell'8-01-2009 allegato alla Nota del Gabinetto del Ministero dell'Istruzione del 20-01-2009, secondo cui non è ammessa in orario scolastico la celebrazione di atti di culto, riti o funzioni religiose.

Ma come si può realmente considerare l'esposizione della foto di San Giovanni Paolo II o della Madonna qualcosa che rientri in questi ambiti così specifici?

Recitare una preghierina cantata prima di mangiare è un "atto di culto"? Veramente non si riconosce la differenza che passa tra semplici elementi di tradizione e devozione popolare e, ad esempio, celebrare dei Sacramenti o altre funzioni, che certamente non possono avvenire in orario scolastico (e infatti non avvengono)?

Che cosa c'entra citare la laicità dello Stato? Laicità significa etimologicamente "ciò che è proprio del popolo"; e cosa è proprio del popolo più delle sue usanze e delle sue più genuine e condivise abitudini

Chiediamo al Direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia, il dottor Marco Anello, di fornire quanto prima la corretta interpretazione di buon senso delle indicazioni del MIUR, che nel caso concreto non possono essere considerate violate da un semplice segno della croce, e men che meno dal dolce volto di San Giovanni Paolo II

Non togliamo a una gioventù già molto carente quei pochi SEGNI a cui ancora può aggrapparsi.

+ Letter to:

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your email
Please enter your country
Please enter your zip code
Firmando la presente accetta i Termini di Uso e la Policy della Fondazione CitizenGO, e accetta di ricevere in futuro altre comunicazioni sulle nostre attività e campagne. Può ritirare il consenso prestato in qualsiasi momento e senza alcun impegno. Grazie.

Ragusa Moleti: la devozione popolare non viola la Nota del Miur


Sen. Valeria Fedeli - Ministro dell'Istruzione

Dott. Marco Anello - Direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia


Egr. Ministro Fedeli

Avendo Lei pubblicamente definito "impropria" l'attuazione della Nota Miur 2009 da parte del Preside della Scuola Elementare Ragusa Moleti di Palermo, che l'aveva strumentalizzata per bandire dall'Istituto ogni forma di presenza di sentimento religioso popolare, Le chiedo di disporre ogni più opportuno e coseguente provvedimento per la revoca immediata di un atto riconosciuto manifestamente illegittimo

Cordialmente

Palermo: revocate la circolare illegittima

Firma subito questa petizione!

020.000
  10.924
 
10.924 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 20.000 firme.