Blocco della attività di fecondazione in vitro (FIV)

Destinatario: Ministero Sanità

 

Blocco della attività di fecondazione in vitro (FIV)

01,000
  846
 
846 people have signed. Help us reach 1,000 signatures.

Blocco della attività di fecondazione in vitro (FIV)

C'è la certezza scientifica che molti bambini nel mondo nati da prcedure di fecondazione in vitro  sono nati con gravi malattie o sono morti prima e dopo il parto e numerose madri sono state colpite da trombosi venose e da tromboemebolie polmonari, da eclampsia durante la gravidanza e dopo il parto, dopo tecniche di fecondazione in vitro (FIV), rischiando la vita. Anche se non è noto statisticamente sicuramente almeno una di loro è morta. Questo è il risultato dell’expertize del Centro di ricerca in Medicina centrata sulla persona dell’ Università Ambrosiana, diretto dal prof Giuseppe R.Brera (anche Rettore della stessa Università), pubblicato dal 4 Giugno sul sito www.unambro.it ( Sezione Scuola medica di Milano) e inviato al Ministro della salute, al Ministro degli interni e alla Presidenza del Consiglio e inizialmente alla Regione Lombardia e Veneto, chiedendo con urgenza la sospensione di ogni pratica di fecondazione artificiale. l’Expertize ha preso in esame, lavori epidemiologici su larga scala, quale una importante ricerca svedese su 2.500.000 bambini,nati tra il 1978 e il 2010 di cui 30.959 (1,2%) sono nati da una FIV .

Sul totale di questi 103 (1,5%) sono nati con un disturbo autistico e lo 1,1% (180) con ritardo mentale. Il rischio di autismo aumenta in modo drammatico con tecniche di fecondazione eterologa (4,6) mentre per il ritardo mentale è 2,6. Il rischio varia in caso di gravidanze singole e se gli embrioni sono “freschi” o “ congelati” ( ndr: pesci da supermercato ?). In caso di gravidanze singole (ciò implica la soppressione o la morte di altri embrioni ) rispetto ai bambini concepiti naturalmente, il rischio è alto : sono nati da embrioni “congelati” 67,8 bambini e da embrioni “freschi” 29,4.( tutti i dati (i dati sono su 100.000 bambini per anno). A questi gravi rischi di malattie neurologiche confermati da altri studi, a cui si aggiungono Tic, sindromi ipercinetiche e disturbi della condotta, si devono sommare, l’aumento del rischio di malformazioni congenite: cardiache, (3,6% per estrazione di sperma dal testicolo vs 1,4 % da FIV, in confronto allo 1,1 % dei bambini concepiti normalmente.

C’è la probabilità di un millesimo di errore nel dire che la differenza tra i gruppi esiste ! Altre malformazioni più probabili sono l’ipospadia e la ritenzione testicolare. Da un importante e vasto studio danese appare che molti bambini nati da trasferimento di embrioni congelati, sono morti o sono morti durante la nascita o appena dopo la nascita (il rischio è risultato elevato : 1,92) o sono nati pre-termine o con basso peso alla nascita e macrosomia. Inoltre è apparso dalla ricerca che un quarto delle donne che vendono cellule uovo hanno una storia di gravi malattie psichiatriche che non dichiarano e la cui vulnerabilità è trasmessa epigeneticamente ai bambini. La stessa considerazione può valere per venditori di sperma da masturbazione. La donna che si sottopone a tecniche di fecondazione assistita aumenta inconfutabilmente il rischio di trombo-embolia polmonare, fatto già osservato fin dal 2004 (ca). Oggi i dati epidemiologici sono drammatici. Una ricerca danese che ha preso in considerazione tutte le fertilizzazioni in vitro per 10 anni (18.787 dal 1995-2005),ha riscontrato un alta incidenza di trombosi venosa (con rischio di trombo-embolia polmonare) durante la gravidanza nelle donne con una sola gravidanza (Rischio=2,8), e in donne con gravidanze multiple da fecondazione artificiale(Rischio=4,4).Anche il rischio di trombosi venose post-partum è significativamente alto, soprattutto per le gravidanze multiple,

C’è dunque la certezza matematica che donne, malconsigliate da ginecologi di basso profilo, siano soggette a trombosi venosa sia durante la gravidanza che dopo. Il rischio è alto. I dati mostrano che il rischio aumenta con l’iper-stimolazione ovarica, l’ovaio policistico e il taglio cesareo. Un certo numero di donne che si sono sottoposte a FIV inoltre hanno sviluppato un cancro all’ovaio. Anche in questo caso la letteratura documenta un rischio importante : in un follow-up di 8 anni il rischio è stato di 2,2 (incidenza più che doppia dell’atteso), e di 1,75 dopo un anno. Alla luce di tale patologia iatrogena, comune ai bambini-indifesi- e alle madri, fino a determinarne la morte, che mostra la necessità di una legislazione ancor più restrittiva della legge 40 proibente anche la crio-conservazione embrionale e dei gameti e di ogni tecnica di FIV. Inoltre una ricerca mostra il 22% delle donne venditrici di oociti sono affette da gravi turbe psichiatrice la cui vulnerabilità è trasmessa agli sfortunati bambini.  il prof. Brera, sorpreso del sonno dell’Istituto Superiore di Sanità, ha chiesto al Ministro della salute e alla Presidenza del Consiglio di promuovere un’azione giudiziaria (penale) contro i responsabili della Corte Costituzionale, delegittimante la legge 40, che con omissione d’atti d’ufficio non hanno chiesto una consulenza tecnica per valutare se la legge avesse rispettato l’art.32 della Costituzione che prescrive la tutela della salute “Come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” prescrivendo che “la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. Il giudice che ha sentenziato l’abrogazione, appare invece essere stato influenzato da un pregiudizio ideologico ben esplicitato, a sfavore della vita dei bambini nati da FIV , nella motivazione alla cassazione della legge paradossalmente alla luce dell’arti 32, che con i dati della letteratura scientifica, avrebbe dovuto essere confermata. “Di qui la lesione dell'art. 32, ….deve ritenersi, ad avviso del giudice a quo, la prevalenza del diritto alla salute dell'essere persona rispetto a ciò che ancora persona non è” Il togato, nella discriminazione ideologica del diritto alla salute del bambino rispetto alla madre, fondato su un arbitrio di basso profilo logico e filosofico, ha deliberato nell’ignoranza che la stessa madre corre gravi rischi con le tecniche di fecondazione artificiale. Sarebbe stato sufficiente conoscere i dati relativi alla lesione o alla morte di una sola persona, sia madre che figlio, per decidere in modo diverso.

 

I dati scientifici del comunicato, sono stati tratti dallo Expertize del centro di ricerca in Medicina centrata sulla persona, già inviato al Ministro della salute, al Ministro degli interni, alla Presidenza del Consiglio

In data 17.06.2014 la Corte Costituzionale Italiana è stata denunciata alla Corte Europea di Giustizia per la violazione dei seguenti artcoli:

Articolo 1

Dignità umana

La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata.

La Corte costituzionale italiana non considerando il bambino nato e non nato “persona” e soggetto egli stesso di diritti inalienabili , ne viola la dignità .

Articolo 2

Diritto alla vita

1.                 

Ogni individuo ha diritto alla vita.

La Corte Costituzionale Italiana non avendo considerato il rischio mortale per la vita del bambino e della madre dovuti alle tecniche FIV e la soppressione di embrioni in soprannumero, viola l’art. 2.

Articolo 3

Diritto all’integrità della persona

1.                 

Ogni individuo ha diritto alla propria integrità fisica e psichica.

La Corte Costituzionale Italiana non avendo  considerato gli arti rischi di numerose e anche mortali patologie per la madre e il bambino, associati a tecniche FIV omologhe ed eterologhe, viola l’art. 3.

2. Nell’ambito della medicina e della biologia devono essere in particolare rispettati:

 il consenso libero e informato della persona interessata, secondo le modalità definite dalla legge,

La Corte Costituzionale Italiana non avendo  considerato l’impossibilità del consenso informato del bambino generato da tecniche FIV viola l’art. 3 -2, comma 1 che visti i rischi di morte e di patologie potrebbe entrare in conflitto con il desiderio soggettivo di maternità e di paternità dei genitori. La malattia del bambino  inoltre espone il genitore  e il medico a conseguenze giuridiche, di responsabilità civile e penale.

 il divieto delle pratiche eugenetiche, in particolare di quelle aventi come scopo la selezione delle persone

La fecondazione in vitro omologa ed eterologa pone il problema della diminuzione del numero di embrioni “prodotti” artificialmente e l’applicazione di tecniche eugenetiche e pertanto di per sé viola l’art 3 -2 comma 2

 

 

 

 


 

 

©Copyright Università Ambrosiana 2014- E' consentita la pubblicazione ai giornali e alle Agenzie e agli Uffici stampa

This petition has been created by a citizen or association not affiliated with CitizenGO. CitizenGO is not responsible for its contents.
+ Letter to:

Sign this petition now!

 
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your email
Please enter your country
Please enter your zip code
Please select an option:
We process your information in according with our Privacy policy and Terms of use.By signing, you accept CitizenGO's Terms of Use and Privacy Policy and you agree to receive occasional emails about our campaigns. You can unsubscribe at any time.

Destinatario: Ministero Sanità

Gentile Ministro

La ricerca scientifica come nell'Expertize scientifico del Centro di ricerca in Medicina centrata sulla Persona dell'Università Ambrosiana, che ha già ricevuto, mostra in modo inconfutabile che molti bambini generati da tecniche di fecondazione in vitro sono nati con gravi malattie, alterazioni morfologiche o sono morti prima o dopo la nascita. Numerose madri, inoltre che si sono sottoposte alla FIV, risultano essere state colpite da trombosi venosa, da tromboembolie polmonari prima o dopo il parto e possono avere rischiato  la morte se non sono morte. Il rischio di trombosi è alto.   Una ricerca danese che ha preso in considerazione tutte le fertilizzazioni in vitro per 10 anni (18.787 dal 1995-2005),ha riscontrato  un alta incidenza di trombosi venosa  durante la gravidanza  nelle donne con una sola gravidanza (Rischio=2,8), e in donne con gravidanze multiple da fecondazione artificiale(Rischio=4,4).Anche il rischio di trombosi venose post-partum è significativamente alto, soprattutto per le gravidanze multiple.  Numerose donne sono state colpite da eclampsia e c'è il riscontro epidemiologico (in uno studio con follow-up a 8 anni) di un raddoppiamento del rischio del cancro all'ovaio. La Costituzione Italiana all'art. 32 tutela la salute come diritto alla salute individuale  e dalla ricerca appare che ben più di una persona ha subito l'induzione di una patologia o la morte e ,in modo matematicamente prevedibile, cioè certo, saranno danneggiate dalla fecondazione artificiale sia omologa che eterologa. Appare inoltre evidente che gli interessi economici sia dei ginecologi coinvolti, sia delle agenzie pubbliche o private che fanno questa attività, hanno tutto l'interesse a celare alle donne,molto motivate a livello affettivo, i possibili rischi e naturalmente i bambini sono indifesi dal mercato della provetta. Lei ha dunque il dovere  morale ed istituzionale, di fronte alla verità scientifica, insieme al Ministro degli interni ,di proibire ogni forma di fecondazione artificiale e di crio-conservazione degli embrioni per tutelare la vita e la salute dei cittadini italiani  e rispettare legge e Costituzione, al di là di luoghi comuni o opinioni e convenienze. Le chiediamo inoltre di attivare un'azione giudiziaria contro il Giudice della Corte Costituzionale, già denunciata alla Corte di Giustizia Europea per la violazione dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, che ha delegittimato la legge 40- che deve essere rivista in modo più restrittivo alla luce della ricerca- che ha omesso di chiedere una consulenza "tecnico-scientifica" prima della sentenza, chiaramente influenzato da opinioni ideologiche arbitrarie, come appare, sospendendo dall'incarico anche il Direttore dell'Istituto Superiore di Sanità, che avrebbe dovuto informare il Ministero, sui danni alla salute, anche mortali, associati alla FIV.

 

 

 

 

 

[Your Name]

Blocco della attività di fecondazione in vitro (FIV)

Sign this petition now!

01,000
  846
 
846 people have signed. Help us reach 1,000 signatures.