URGENTE: Italia, Ungheria e Polonia votate contro l'aborto all'ONU!

Petition

 

URGENTE: Italia, Ungheria e Polonia votate contro l'aborto all'ONU!

URGENTE: Italia, Ungheria e Polonia votate contro l'aborto all'ONU!

0200.000
  137.549
 
137.549 firmato. Raggiungiamo 200.000!

l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite è stata convocata per votare una risoluzione che potrebbe costituire un importante passo in avanti verso il riconoscimento dell'aborto come diritto umano a livello internazionale.

Il 2 settembre 2022 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite prevede di adottare una risoluzione sul diritto alla giustizia per le vittime di violenza sessuale (usano meschinamente il caso estremo della violenza per validare in termini generali il diritto all'aborto!). Il testo della risoluzione prevede l'accesso al cosiddetto "aborto sicuro" in tutto il mondo.

La risoluzione dichiara "l'accesso all'aborto sicuro" come una politica che i governi dovrebbero perseguire "per promuovere e proteggere i diritti umani e la salute sessuale e riproduttiva di tutte le donne".

Attualmente, anche l'Ungheria e la Polonia, paesi amici della famiglia, sono tra i sostenitori della decisione! Naturalmente, l’Italia sembra non essersi tirata indietro.

URGENTE: Per favore, unisciti a me per aiutarmi a convincere i membri del governo ungherese, polacco ed italiano a non sostenere la risoluzione e a votare contro l'inclusione dell'aborto come diritto.

L'aborto non è un diritto, ma un delitto! Primo fra tutti i diritti è infatti il diritto alla vita. Convinciamo la delegazione italiana, ungherese e polacca a non sostenere la risoluzione e a votare contro l'inclusione dell'aborto.

La risoluzione segnerebbe una grande vittoria per il cosiddetto "diritto all'aborto" dopo anni di stagnazione nei dibattiti delle Nazioni Unite e darebbe alle agenzie ONU un chiaro mandato per spingere l'aborto ancora di più con risorse e strumenti politici.

L'applicazione di un linguaggio favorevole all'aborto è diventata una priorità assoluta per i Paesi occidentali progressisti, comprese le superpotenze dell'Unione Europea e l'amministrazione Biden.

È anche importante notare che il termine "aborto sicuro" è stato rifiutato dagli Stati membri in molti altri negoziati di risoluzione negli ultimi dieci anni.

Ci sono ancora Paesi nel mondo che sanno e ammettono che l'aborto sicuro non esiste. In ogni aborto viene ucciso un essere umano innocente e in via di sviluppo. Nessun aborto è sicuro per il bambino! Inoltre, ogni aborto ha gravi conseguenze psicologiche e molti rischi per la salute della madre.

In Assemblea Generale, questo termine è apparso finora solo nella risoluzione biennale sulla violenza contro le donne sostenuta da Francia e Paesi Bassi. Entrambe le delegazioni sostengono apertamente il riconoscimento del diritto internazionale all'aborto.

Promuovere l'accesso all'aborto come diritto umano indebolirebbe il consenso dell'Assemblea Generale, stabilito alla Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo del Cairo nel 1994, secondo cui l'aborto dovrebbe essere deciso dalla legislazione nazionale senza interferenze esterne. I governi dovrebbero aiutare le donne a evitare l'aborto e a garantire il benessere delle madri e dei loro figli prima e dopo la nascita.

Attraverso il lavoro delle agenzie delle Nazioni Unite, i Paesi occidentali hanno cercato di ignorare e aggirare questi principi fondamentali stabiliti alla Conferenza del Cairo per quasi tre decenni.

Le agenzie delle Nazioni Unite promuovono regolarmente l'aborto sotto la bandiera della "salute e dei diritti riproduttivi", in particolare l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione e l'Agenzia delle Nazioni Unite per le Donne. Finora lo hanno fatto in gran parte di propria iniziativa, senza l'autorizzazione dell'Assemblea generale.

Le delegazioni pro-famiglia non solo hanno contestato la formulazione della risoluzione sull'aborto, ma hanno anche espresso preoccupazione per termini come "violenza di genere". Questo perché all'ONU questo termine viene interpretato come "orientamento sessuale e identità di genere", quindi viene spesso utilizzato per promuovere le aspirazioni della lobby LGBTQ.

Aggiungi il tuo nome alla causa e chiedi ai membri del governo e della delegazione italiana, capitanata dall’Ambasciatore Maurizio Massari, di votare contro il testo anti-vita!

Il diplomatico giapponese che ha condotto i negoziati sulla risoluzione ha insistito fermamente sul fatto che le delegazioni non potevano cancellare o aggiungere nulla dal testo sull'aborto! Questo ha sostanzialmente bloccato i negoziati. Pertanto, nonostante le ripetute obiezioni durante l'estate, il testo è rimasto invariato nella bozza.

Persone vicine ai negoziati hanno riferito allo staff dell'organizzazione C-fam (organizzazione provita nostra amica) che non un solo paragrafo dell'intera risoluzione è stato raggiunto per consenso, deviando dalla procedura diplomatica di lunga data seguita nei negoziati dell'Assemblea Generale. Quindici Paesi hanno quindi cercato di impedire la presentazione della risoluzione, senza successo.

The pro-family delegates also reported that the European Union appeared to be manipulating the negotiations. Indeed, the EU member states that were among the presenters of the resolution negotiated aggressively, not at all according to the established protocol of the General Assembly negotiations. As you know, according to customary law, the presenters of the decision do not actively participate in the negotiations, since they have already said what they have to say through the text of the draft.

Stanno oltrepassando ogni limite per fare pressione affinché la risoluzione dell’aborto come diritto passi, e lo stanno facendo raggirando anche i protocolli e le norme. Dobbiamo fermarli!

Per favore, firma e aiutaci a convincere i responsabili italiani, ungheresi e polacchi a votare contro la risoluzione!

0200.000
  137.549
 
137.549 firmato. Raggiungiamo 200.000!

Completa la tua firma

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your email
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your country
Please enter your zip code
Per firmare seleziona una voce:
We process your information in accordance with our Privacy Policy and Terms of Service

Petizione rivolta all'Ambasciatore Maurizio Massari, al Ministro degli Esteri Péter Szijjártó, al Segretario di Stato per la Fam

Chiediamo alla delegazione italiana, ungherese e polacca di votare contro l'adozione della risoluzione di cui al punto 133 dell'ordine del giorno all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 2 settembre 2022. Questa decisione, che rappresenterebbe il passo successivo all'introduzione internazionale dell'aborto come diritto umano, è inaccettabile per i seguenti punti:

1. L'aborto sicuro non esiste. In ogni aborto viene ucciso un essere umano innocente e in via di sviluppo. Tutti gli aborti hanno gravi conseguenze psicologiche e molti rischi per la salute della madre.

2. Il concetto di "aborto sicuro" non è accettato a livello internazionale. Nell'ultimo decennio, è stato respinto dagli Stati membri durante numerosi negoziati per la risoluzione di altri problemi. L'aborto è una questione politica molto dibattuta in tutto il mondo. Secondo il consenso delle Nazioni Unite, l'aborto è di competenza degli Stati membri e non è mai stato considerato un diritto umano.

3. Promuovere l'accesso all'aborto come diritto umano minerebbe il consenso dell'Assemblea Generale, stabilito alla Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo tenutasi al Cairo nel 1994 (ICPD 8.25), secondo cui l'aborto dovrebbe essere deciso dalla legislazione nazionale senza interferenze esterne, i governi e devono aiutare le donne a evitare l'aborto e garantire il benessere delle madri e dei loro figli prima e dopo la nascita.

4. Se non è possibile evitare che l'aborto faccia parte della risposta delle Nazioni Unite alla violenza sessuale, allora l'ICPD 8.25 dovrebbe riportare nel testo gli avvertimenti contenuti nel punto. Questo è l'unico modo per garantire il rispetto delle precedenti risoluzioni dell'Assemblea Generale.

5. C'è uno sforzo deliberato per incaricare l'intero sistema delle Nazioni Unite di promuovere politiche LGBTQ nei Paesi attraverso il concetto di "violenza di genere". Questo termine include "orientamento sessuale e identità di genere" nelle Nazioni Unite. Le delegazioni liberali occidentali intendono usare le vittime di violenza sessuale per promuovere l'aborto e i diritti LGBTQ.

Pertanto, vi invitiamo a respingere la risoluzione del 2 settembre!

[Il tuo nome]

Petizione rivolta all'Ambasciatore Maurizio Massari, al Ministro degli Esteri Péter Szijjártó, al Segretario di Stato per la Fam

Chiediamo alla delegazione italiana, ungherese e polacca di votare contro l'adozione della risoluzione di cui al punto 133 dell'ordine del giorno all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 2 settembre 2022. Questa decisione, che rappresenterebbe il passo successivo all'introduzione internazionale dell'aborto come diritto umano, è inaccettabile per i seguenti punti:

1. L'aborto sicuro non esiste. In ogni aborto viene ucciso un essere umano innocente e in via di sviluppo. Tutti gli aborti hanno gravi conseguenze psicologiche e molti rischi per la salute della madre.

2. Il concetto di "aborto sicuro" non è accettato a livello internazionale. Nell'ultimo decennio, è stato respinto dagli Stati membri durante numerosi negoziati per la risoluzione di altri problemi. L'aborto è una questione politica molto dibattuta in tutto il mondo. Secondo il consenso delle Nazioni Unite, l'aborto è di competenza degli Stati membri e non è mai stato considerato un diritto umano.

3. Promuovere l'accesso all'aborto come diritto umano minerebbe il consenso dell'Assemblea Generale, stabilito alla Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo tenutasi al Cairo nel 1994 (ICPD 8.25), secondo cui l'aborto dovrebbe essere deciso dalla legislazione nazionale senza interferenze esterne, i governi e devono aiutare le donne a evitare l'aborto e garantire il benessere delle madri e dei loro figli prima e dopo la nascita.

4. Se non è possibile evitare che l'aborto faccia parte della risposta delle Nazioni Unite alla violenza sessuale, allora l'ICPD 8.25 dovrebbe riportare nel testo gli avvertimenti contenuti nel punto. Questo è l'unico modo per garantire il rispetto delle precedenti risoluzioni dell'Assemblea Generale.

5. C'è uno sforzo deliberato per incaricare l'intero sistema delle Nazioni Unite di promuovere politiche LGBTQ nei Paesi attraverso il concetto di "violenza di genere". Questo termine include "orientamento sessuale e identità di genere" nelle Nazioni Unite. Le delegazioni liberali occidentali intendono usare le vittime di violenza sessuale per promuovere l'aborto e i diritti LGBTQ.

Pertanto, vi invitiamo a respingere la risoluzione del 2 settembre!

[Il tuo nome]