Abusi dei diritti umani, fame e persecuzioni religiose: vergogna in Corea del Nord

Più di 100.000 (dei circa 400.000) cristiani nordcoreani siano attualmente in carcere per ragioni religiose

 

Abusi dei diritti umani, fame e persecuzioni religiose: vergogna in Corea del Nord

050.000
  45.758
 
45.758 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 50.000 firme.

Abusi dei diritti umani, fame e persecuzioni religiose: vergogna in Corea del Nord

Il recente test nucleare e i risultati della World Whatch List 2016 degli amici di Porte Aperte (secondo la quale, per il quattordicesimo anno consecutivo, la Corea de Nord è il Paese con il più alto tasso di persecuzione a danno dei cristiani a livello mondiale) non sono altro che due esempi della vergognosa situazione del Paese in tema di rispetto dei diritti umani.

 Sono già in corso denunce a carico dei leader nordcoreani presso la Corte Penale Internazionale: secondo il Dipartimento di Stato americano nel Paese si verificano sistematicamente "torture, infanticidi, morti per fame, violazioni della libertà di coscienza, di espressione, di assemblea, di associazione e di stampa". Riguardo alle persecuzioni contro i cristiani, si calcola che più di 100.000 (dei circa 400.000) cristiani nordcoreani siano attualmente in carcere per ragioni religiose. E gli altri non hanno nessuna libertà di culto, non possono nemmeno menzionare o leggere la Bibbia.

Si tratta, in tutti i casi, di crimini noti, ben documentati dai circa 28.000 nordcoreani che sono fuggiti dal Paese negli ultimi anni. Bisogna che eventuali alleggerimenti delle sanzioni al Paese siano vincolati al miglioramento della disastrosa situazione in tema di rispetto dei diritti umani; ed è anche necessario che l'erogazione di aiuti materiali (essenziali per una popolazione in condizioni di grandissima povertà) siano gestite da terze parti, e non dal governo nordcoreano, così da assicurare che essi arrivino a chi ne ha davvero bisogno.

Con questa petizione, indirizzata alle Nazioni Unite e ai delegati dei negoziati con la Corea del Nord, formuliamo proprio queste due richieste.


La petizione, in lingua inglese, sarà posta all'attenzione dei destinatari. La versione completa della lettera, in inglese, è disponibile qui (nella parte destra della pagina).

+ Letter to:

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your email
Please enter your country
Please enter your zip code
Per firmare seleziona una voce:
Trattiamo i tuoi dati personali in conformità con la nostra Informativa sulla privacy e ai nostri Termini di servizio.Firmando la presente accetta i Termini di Uso e la Policy della Fondazione CitizenGO, e accetta di ricevere in futuro altre comunicazioni sulle nostre attività e campagne. Può ritirare il consenso prestato in qualsiasi momento e senza alcun impegno. Grazie.

Alleggerire le sanzioni solo a fronte di significativi miglioramenti dei diritti umani

Alle Nazioni Unite e ai delegati nei negoziati a sei parti con la Corea del Nord:

Chiediamo:

  1. Che eventuali alleggerimenti delle sanzioni al Paese vengano collegati a significativi miglioramenti del livello di rispetto dei diritti umani.
  2. Che l'erogazione di aiuti umanitari sia gestita da terze parti, di modo da assicurare che essi siano destinati a chi ne ha davvero necessità.
Cordialmente

Abusi dei diritti umani, fame e persecuzioni religiose: vergogna in Corea del Nord

Firma subito questa petizione!

050.000
  45.758
 
45.758 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 50.000 firme.