Pride blasfemo a Cremona: il sindaco Galimberti revochi il patrocinio e si scusi! FIRMA

FIRMA ORA per dire basta a questi continui attacchi blasfemi finanziati con soldi pubblici!

 

Pride blasfemo a Cremona: il sindaco Galimberti revochi il patrocinio e si scusi! FIRMA

Pride blasfemo a Cremona: il sindaco Galimberti revochi il patrocinio e si scusi! FIRMA

050.000
  21.369
 
21.369 firmato. Raggiungiamo 50.000!

Nella giornata del 4 giungo, durante il gay pride di Cremona, è stato fatto sfilare in processione un manichino camuffato da Vergine Maria, addobbato con borchie, oggetti sadomaso e con i seni scoperti.

Un attacco blasfemo e ignobile, chiaramente rivolto alla fede di tutti i cristiani!

Ma ancora più scandaloso è il fatto che il comune di Cremona ed il suo sindaco, Gianluca Galimberti (che si definisce cristiano!!), hanno sostenuto questo squallido e misero “spettacolo” con il loro patrocinio, finanziandolo con denaro pubblico: VERGOGNA!

Proprio durante lo stesso giorno del Pride di Cremona, il 4 giugno, nella chiesa di San Francesco Saverio a Owo (Nigeria), durante la celebrazione della pentecoste 50 cristiani tra uomini, donne e bambini, sono stati barbaramente trucidati a causa della loro fede in Cristo.

Uomini, donne e BAMBINI massacrati perché cristiani fedeli a Cristo e devoti alla Vergine Maria.

Ogni giorno, milioni di cristiani vengono perseguitati, rapiti, abusati e uccisi nel mondo a causa di quella fede che in maniera meschina e senza alcun pudore viene ripetutamente attaccata, derisa e vileggiata durante i gay pride sotto l’egida delle istituzioni.

E il sindaco Galimberti, che si definisce “cristiano cattolico” che fa? Sostiene questi attacchi blasfemi con il patrocinio del Comune di Cremona e con i soldi pubblici!?

ASSURDO E INTOLLERABILE!

FATTI SENTIRE! Firma subito la petizione affinché il Comune di Cremona revochi immediatamente il suo patrocinio dal gay pride e manda un messaggio al sindaco Galimberti: pretendiamo le sue pubbliche scuse!

050.000
  21.369
 
21.369 firmato. Raggiungiamo 50.000!

Completa la tua firma

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your email
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your country
Please enter your zip code
Per firmare seleziona una voce:
We process your information in accordance with our Privacy Policy and Terms of Service

Al sindaco di Cremona, Gianluca Galimberti

Quanto accaduto durante il gay pride di Cremona ha profondamente offeso me, la mia fede e quella di milioni di miei concittadini cristiani. Rimaniamo sconcertati della decadenza dei contenuti blasfemi e anti-educativi che sono stati promossi durante la manifestazione del 4 giugno, addirittura sostenuta dal comune e dalla sua persona con il vostro patrocinio. Una vergogna!

Non possiamo più tollerare questo tipo di manifestazioni in cui è palese l’intento di voler offendere e deridere la fede di milioni di persone, la stessa fede per cui milioni di cristiani vengono ogni anno perseguitati, rapiti, abusati e uccisi nel mondo.

Sindaco Galimberti, lei si definisce cristiano? Come può permettere che profanazioni gratuite di questa portata - che promuovono il vilipendio della religione cristiana in pubblica piazza - vengano sostenute con il beneplacito della sua amministrazione?

Le chiedo di scusarsi pubblicamente nei confronti di tutti i cristiani offesi e di revocare immediatamente il patrocinio dal Gay Pride di Cremona.

Cordiali Saluti

[Il tuo nome]

Al sindaco di Cremona, Gianluca Galimberti

Quanto accaduto durante il gay pride di Cremona ha profondamente offeso me, la mia fede e quella di milioni di miei concittadini cristiani. Rimaniamo sconcertati della decadenza dei contenuti blasfemi e anti-educativi che sono stati promossi durante la manifestazione del 4 giugno, addirittura sostenuta dal comune e dalla sua persona con il vostro patrocinio. Una vergogna!

Non possiamo più tollerare questo tipo di manifestazioni in cui è palese l’intento di voler offendere e deridere la fede di milioni di persone, la stessa fede per cui milioni di cristiani vengono ogni anno perseguitati, rapiti, abusati e uccisi nel mondo.

Sindaco Galimberti, lei si definisce cristiano? Come può permettere che profanazioni gratuite di questa portata - che promuovono il vilipendio della religione cristiana in pubblica piazza - vengano sostenute con il beneplacito della sua amministrazione?

Le chiedo di scusarsi pubblicamente nei confronti di tutti i cristiani offesi e di revocare immediatamente il patrocinio dal Gay Pride di Cremona.

Cordiali Saluti

[Il tuo nome]