Vergognatevi! I morti si rispettano

Oltraggiare i morti e le cose più sacre non libertà. Charlie Hebdo abbia la dignità di finirla

 

Vergognatevi! I morti si rispettano

050.000
  33.652
 
33.652 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 50.000 firme.

Vergognatevi! I morti si rispettano

I disegnatori di Charlie Hebdo, probabilmente, non si rendono più conto di cosa sono diventati. Sfrontati e arroganti calpestano qualunque cosa, fregandosene di Dio, delle religioni (di questo hanno dato innumerevoli prove giá in passato), e ora anche delle persone vive o morte.

Il fatto è ormai noto. La nota, spregiudicatissima, rivista ha dato ancora prova di inaudita inciviltà. Sul suo numero 31, nell’ultima pagina, ha pubblicato una vignetta oltraggiosissima. “Sisma all’italiana”, titola la scena, in cui compaiono due persone insanguinate, l’una descritta con le parole “penne al sugo” e l’altra come “penne gratinate”. La serie è poi completata dal disegno di un cumulo di macerie da cui si protendono braccia e gambe, sopra cui campeggia, senza pudore, la parola “lasagne”.

Giá in passato la rivista si era caratterizzata per vignette a dir poco oscene, soprattutto nei riguardi della religione cattolica: orge con vescovi e Persone della Trinitá, Papi che invece della comunione benedicono preservativi, insulti ai Santi. Per non parlare di vignette umilianti per le persone con sindrome di Down e altre porcherie.

E adesso i cadaveri dei terremotati descritti come "lasagne".

Dopo insulti, indignazione montante di siti, ambasciate e di centinaia di cittadini che hanno postato su Facebook e altri social la loro giusta e dolorosa indignazione, la redazione quasi sconcertata per l'inaspettata reazione (questo la dice lunga su che tipi siano questi signori), se ne esce con una trovata peggiore della prima: una seconda vignetta in cui è raffigurata una donna massacrata e schiacciata dalle macerie che dice “Italiani, non è Charlie Hebdo che ha costruito le vostre case, è la mafia!”.

Libertà di stampa può forse voler dire di mancare di rispetto per dei morti, di oltraggiarli? Può forse volere dire sputare sulle cose più care, le cose più sacre?

Dobbiamo scrivere alla redazione di Charlie Hebdo, perché capiscano che non si può sputare sulla dignità delle persone, sulle sciagure che colpiscono l’umanità, sulla vita, sulle cose più sacre.

La libertà di stampa non può essere sfruttata per una cosa odiosa e meschina. Non può essere un segno di inconcepibile inciviltà. Utilizzare la libertà per disprezzare il dolore e la dignità delle persone significa calpestare la libertà stessa. La Libertà non è oltraggio e inciviltà. Firma anche tu questa petizione per dire a costoro “Vergognatevi!”.

+ Letter to:

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your email
Please enter your country
Please enter your zip code
Per firmare seleziona una voce:
Trattiamo i tuoi dati personali in conformità con la nostra Informativa sulla privacy e ai nostri Termini di servizio.Firmando la presente accetta i Termini di Uso e la Policy della Fondazione CitizenGO, e accetta di ricevere in futuro altre comunicazioni sulle nostre attività e campagne. Può ritirare il consenso prestato in qualsiasi momento e senza alcun impegno. Grazie.

Vergognatevi, i morti si rispettano.

Alla Redazione di Charlie Hebdo

Vergognatevi!

Dopo la pubblicazione delle due oltraggiose vignette irrispettose delle centinaia di morti che hanno afflitto i paesi dell’Italia centrale, siamo rimasti allibiti. Non c’è limite alla profanazione, non c’è rispetto nemmeno per le persone afflitte, né per i morti.

Vergognatevi! Con queste vostre incivili trovate state calpestando la stessa libertà di stampa di cui vi fate scudo e sputate sui morti e il dolore dei sopravvissuti.

Cordialmente

Vergognatevi! I morti si rispettano

Firma subito questa petizione!

050.000
  33.652
 
33.652 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 50.000 firme.